News ed eventi

Tutto sulla sicurezza

Sicurezza Donne nel 2019: come lo smartphone può essere d’aiuto

Sicurezza Donne nel 2019: come lo smartphone può essere d’aiuto

Donne vittime di violenza in Italia: alcuni numeri

Il 25 novembre si festeggerà la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. In Italia è allarme sicurezza in Italia per le donne vittime di violenza e maltrattamenti e anche se sarebbe preferibile non averne bisogno, la tecnologia arriva in soccorso. Negli ultimi anni, infatti, sono arrivate applicazioni dedicate alla sicurezza delle persona ed in particolare delle donne. Queste App vengono infatti utilizzate nelle situazioni di pericolo e possono salvare una donna da una potenziale violenza o omicidio. 

Partiamo dai dati ISTAT: 7 milioni di donne italiane dai 16 ai 70 anni hanno subito almeno una volta nella vita una forma di violenza (20,2% violenza fisica, 21% violenza sessuale con casi nel 5,4% di violenze sessuali gravi, come stupro e tentato stupro). Dati ancor più sconvolgenti se si considera che a praticare le violenze siano stati partner o ex partner. Per ben 3 milioni di donne, la violenza è avvenuta da parte di un compagno: nel 5,2% dei casi dall’attuale partner e nel 18,9% dei casi da un ex partner.

Le forme di violenza subite dalle donne non riguardano solo la violenza fisica o sessuale ma anche forme di abusi diversi: minacce (12,3%), spintonate (11,5%), schiaffi, calci e morsi (7,3%), contusioni per mezzo di oggetti (6,1%). Quanto, invece, alla violenza sessuale: il 15,6% delle donne ha subito la forma di violenza sessuale più diffusa, ovvero essere baciate, toccate o abbracciate contro la propria volontà, mentre i rapporti sessuali inflitti con la forza e contro la volontà della vittima sono al 4,7%; i tentati stupri arrivano al 3,5% e gli stupri effettivi al 3%.

Chi abusa delle donne? Oltre alle violenze del partner si verificano anche sul luogo di lavoro nel 2,5% dei casi, da altri parenti nel 2,6%, da amici nel 3% e da conoscenti nel 6,3% dei casi.

Ancor più tristi i dati dalla violenza al femminicidio. I dati ISTAT del 2017 rilevati su 23 Stati dell’Unione Europea riportavano per l’Italia il numero di 123 vittime di omicidio volontario. Non cala l’allarme femminicidio: le associazioni di prevenzione alle violenze ampliano sempre più il proprio operato, anche tenendo conto del boom mediatico che ogni storia esercita sul pubblico. 

Difendersi si può. EyeWhere è il servizio di Resolteam che protegge le donne in pericolo o vittime di violenza 

Il Ministero della Salute ha messo in atto dei sistemi di prevenzione e di aiuto nei confronti delle donne vittime di violenze. È possibile rivolgersi al Telefono Rosa Antiviolenza e Antistalking al numero 1522.

Anche Resolteam propone per la sicurezza personale per l’ Sos donna. EyeWhere non è semplicemente un’app: si tratta di un sistema basato su un dispositivo di sicurezza e un rigido protocollo operativo a supporto di tutti coloro che necessitano di particolare tutela, quindi anche per le donne. 

EyeWhere è prima di tutto un dispositivo in grado di geolocalizzare la donna o chiunque si trovi nella situazione di pericolo. È semplicissimo da utilizzare in quanto si presenta sotto forma di app di tracciamento, e a richiesta anche da un bracciale Gps, un orologio o un gioiello in grado di assicurare un intervento tempestivo. L’attivazione avviene tramite pulsante SOS che una volta premuto rende visibile in automatico sulla mappa la localizzazione del richiedente soccorso. 

Il dispositivo è sempre rintracciabile e si attiva anche qualora la donna dovesse subire scosse e/o cadere a terra. In caso di allarme grazie al GPS in dotazione il sistema di vigilanza riceve la posizione esatta della donna in pericolo, ma non è tutto. Perchè l’altra caratteristica che differenzia questo sistema operativo pensato è la registrazione vocale, utilizzabile anche in una fase successiva in caso di processo. 

EyeWhere è l’app di pronto intervento studiata da Resolteam e il miglior sistema operativo in commercio per la sicurezza della donna in situazioni di pericolo, ideale anche per la semplice volontà di sentirsi al sicuro.